‘L’opposizione? Vuole solo confondere’ – Le bacchettate di Simonelli: la legge non va interpretata in base alle proprie esigenze

«L’opposizione vuole creare solo confusione su argomenti di poca rilevanza, mentre si sottrae dall’affrontare temi importanti». Il sindaco Roberto Simonelli torna a commentare la seduta del consiglio bacchettando i consiglieri di minoranza. «Se veramente volevano discutere di determinate situazioni – ha detto – i consiglieri avevano a disposizione le interrogazioni e le interpellanze. La mozione di sfiducia di un singolo assessore – sottolinea Simonelli – non è prevista nel Testo Unico degli Enti Locali, non è prevista nel nostro statuto, non è prevista nel regolamento sul funzionamento del consiglio comunale. Ed è unicamente per queste ragioni che il documento non poteva essere né discusso né votato dal consiglio. Bene ha fatto il presidente del consiglio comunale, sentito il parere del segretario, a ritenere di non procedere nella discussione del punto. La legge – prosegue ancora – va rispettata con rigore e non può essere applicata o interpretata in base alle proprie esigenze. Nel merito, poi, l’assessore Katia Germani ha chiarito la sua posizione sull’argomento in questione durante la seduta, rivendicando la non inerenza del fatto con la sua attività e la funzione di membro della giunta. Il dato importante – ha concluso Simonelli – è un altro. L’opposizione esce dall’aula perché presenta una mozione improponibile, non riesce ad incidere sul caso specifico e, soprattutto, non discute il secondo punto all’ordine del giorno».

51
Da: ; ---- Autore: