Marzilli: nessuna direttiva sul parere del revisore – La precisazione di Marco Marzilli

ARCE – «Nessuna direttiva finalizzata a ritardare o sospendere l’emissione del parere del Revisore da parte dell’assessorato al bilancio».
E’ la precisazione dell’assessore Marco Marzilli. Il capogruppo di maggioranza, in un a breve nota ha voluto puntualizzare alcuni aspetti tecnici relativi alla vicenda sollevata dal consigliere d’opposizione Marcello Marzilli, relativa alla mancanza del parere al bilancio di previsione 2011 approvato in giunta.
«Al fine di permettere ai cittadini – ha detto Marco Marzilli – di capire quali sono le specifiche competenze degli amministratori e di coloro che esercitano poteri di controllo sugli atti amministrativi, credo giusto precisare alcuni aspetti. Il bilancio di previsione è stato regolarmente deliberato dalla giunta comunale in data 04/04/11. Questa delibera, con tutti gli allegati previsti, è stata trasmessa al Revisore dei Conti così come per legge, in data 11.04.11 (lettera di trasmissione prot. 2661). L’emissione del parere da parte del Revisore – ha aggiunto ancora – rientra tra i poteri di controllo interni dello stesso e, così come stabilito dal regolamento di contabilità, deve essere emesso entro 10 giorni dalla ricezione della delibera di approvazione del bilancio da parte della giunta. L’emissione dl parere – ha concluso Marzilli – esula dalle competenze dell’organo politico e il sottoscritto, in qualità di assessore al bilancio, non ha dato alcuna direttiva finalizzata a sospendere l’emissione del parere da parte del Revisore».

A questo punto, viene da chiedersi, chi, se non l’assessore, ha potuto “fermare” il revisore dall’emettere il parere? E’ possibile che il professionista non abbia adempiuto a uno dei suoi principali compiti? E, infine, a chi e a che cosa giova non far allegare al bilancio un simile documento previsto dalla legge?

55
Da: ; ---- Autore: