Norme per il taglio delle siepi – Un’ordinanza

ARCE – Sanzioni fino a 624 euro per chi non regola il taglio dei rami e delle fronde che invadono le strade.
L’ordinanza sindacale dà tempo ai proprietari dei terreni interessati fino al 31 dicembre del 2009, poi scatteranno i controlli e le possibili sanzioni amministrative (che partono da 155 a 624 euro, con il possibile aggravio delle spese conseguenti l’esecuzione d’ufficio dei lavori). Alla base del provvedimento c’è stato il riscontro da parte dell’amministrazione comunale di un incremento del fenomeno delle aree caratterizzate dalla presenza di sterpaglie, rami e rovi che protendono verso le vie ad uso pubblico e i marciapiedi. «L’omessa manutenzione ordinaria – si legge nell’ordinanza n. 44 – rappresenta, oltre che un problema di carattere igienico-sanitario, in quanto costituiscono l’habitat naturale per il proliferare di insetti e topi, anche un ostacolo per il transito veicolare, ciclabile e pedonale, contribuendo ad aumentare il pericolo di sinistri, per effetto del restringimento della carreggiata e della limitazione della visibilità. A tale scopo, viene fatto obbligo a tutti i proprietari o detentori, a qualsiasi titolo, delle aree interessate di regolare le siepi e le piante, mediante la potatura dei rami e delle fronde che si protendono oltre il confine stradale».

43
Da: ; ---- Autore: