‘Nuovi alberi sostituiranno quelli tagliati’ – Lo assicura il sindaco Simonelli

ARCE – «Un abbattimento necessario per ragioni di sicurezza e di decoro del cimitero stesso».
E’ direttamente il sindaco di Arce, Roberto Simonelli, a spiegare i motivi che hanno indotto l’amministrazione comunale a disporre il taglio di alcuni alberi all’interno del cimitero comunale.
«Le piante tagliate – spiega il primo cittadino – creavano da molti anni problemi di diversa natura ai loculi e alle cappelle cimiteriali oltre a rappresentare un serio pericolo per i visitatori del cimitero. Chiaramente – ha aggiunto – prima del taglio sono state fatte tutte le valutazioni del caso e nessuna soluzione poteva essere presa se non quella di intervenire abbattendo gli alberi in questione. Voglio aggiungere che all’interno del cimitero comunale ci sono altre piante sicuramente più adatte al luogo come quelle di magnolia e cipresso che in maniera ordinata e sicura sono attualmente posizionate in tutte le fioriere. Mi preme sottolineare che sia per quanto riguarda il cimitero che in altri luoghi oggetto di taglio alberi è stato già predisposto l’inserimento di nuove piante che saranno idonee all’ambiente e al posto per garantire sicurezza e decoro».
Il primo cittadino respinge piccato anche ogni altra possibilità di intervento alternativo alla motosega.
«Pensare di spostare alberi di quelle dimensioni – ha ripreso – per poi metterli a dimora in altri posti è un’idea frutto di fantasia e di ignoranza che mai potrà concretizzarsi per ovvie ragioni che gli esperti del settore conoscono molto bene».
Peccato che diversi sindaci di altri comuni non la pensano allo stesso modo. Intanto, alcuni cittadini hanno inviato un esposto al Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato per chiedere di intervenire sulla questione e verificare che si sia agito nel rispetto delle norme per la tutela ambientale.

63
Da: ; ---- Autore: