‘Ora il partito dia supporto al sindaco’ – Per Nardone l’obiettivo è uscire dall’ambiguità che attanaglia il Pd

ARCE – «Ora si lavori affinchè il partito sia di supporto al sindaco».
Iliano Corsetti, sostenitore della mozione Bersani per il Comune di Arce, ha commentato così il risultato delle primarie. Il sostenitore dell’ex ministro dell’Economia ha espresso soddisfazione per il risultato ottenuto in paese, incassando 109 voti che non erano affatto scontati. Il coordinamento di Arce, infatti, era per lo più schierato a sostegno delle altre due mozioni. Una circostanza questa che trova riscontro nella consultazione degli iscritti del 26 settembre scorso, dove i risultati premiarono  Marino con 43 voti, subito dopo Franceschini con 15 voti e solo 4 per l’ex ministro Bersani. I definitivi di lunedì, invece, hanno decretato un quadro completamente diverso: Marino a quota 122, Franceschini (totalizzando le due liste a suo sostegno) 96 e Bersani 109. Quello che emerge alla fine tra i 336 elettori del Partito Democratico è una sostanziale parità se non fosse che per la mozione Marino era in campo anche l’assessore Brigida Fraioli e per quella di Franceschini il consigliere di maggioranza Annalisa Quattrucci. «Nel ringraziare – ha detto Iliano Corsetti – coloro che hanno collaborato a tale affermazione mi auguro che ora ci si metta subito al lavoro per il bene di Arce, superando ogni steccato e trovando in modo unitario soluzioni comuni per essere di sostegno all’amministrazione».
Anche dall’opposizione si dice soddisfatto dell’esito delle primarie il consigliere Gianni Nardone. «Oggi – ha detto l’esponente del Circolo della Rosa Rossa – abbiamo verificato che le primarie del Pd hanno cominciato a far realizzare il percorso che lo vedrà portare fuori dall’ambiguità che l’attanaglia. La nostra partecipazione ha contribuito a questa lunga marcia che si concluderà con la vittoria del riformismo». Di grande affermazione parla anche il coordinatore comunale Carlo Delli Cicchi. «La partecipazione di ben 336 elettori – ha detto  – è la dimostrazione che c’è interesse per il partito e per la sua unità. Le primarie – ha concluso Delli Cicchi – hanno rimesso in campo il Pd come forza nazionale per l’alternativa e per il futuro politico più positivo dell’Italia».

49
Da: ; ---- Autore: