Pasti caldi – La polemica continua con le affissioni

Il sindaco fa coprire i manifesti dei suoi oppositori. E’ ormai bagarre ad Arce sulla questione dei pasti caldi. Dopo l’acceso consiglio comunale e la mancata discussione della mozione presentata dai cinque consiglieri di minoranza, s’innalza ulteriormente il tenore dello scontro. Sabato mattina il primo cittadino ha ordinato l’immediato oscuramento dei manifesti dell’associazione “Insieme per cambiare”. Gli affissi del sodalizio politico-culturale, secondo il provvedimento firmato da Roberto Simonelli, “violerebbero i diritti di persona minore d’età” e quindi potrebbero esporre l’interessato ad un ulteriore aggravamento di condizione. I manifesti, regolarmente attaccati in una decina di bacheche del paese, riportavano alla cittadinanza il contenuto della richiesta formulata al presidente del consiglio comunale ed alcuni riferimenti che sarebbero stati ritenuti lesivi per il figlio di un congiunto di un assessore. Da quanto si apprende, alla base del provvedimento del primo cittadino ci sarebbe una nota arrivata in Comune dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza chiamata in causa dal genitore. L’Autorità avrebbe avvallato una possibile lesione dell’immagine del minore.

35
Da: ; ---- Autore: