Pd: bloccati fondi indispensabili – Accuse al provvedimento di non favorire la gente comune

ARCE – Ma ad esprimere preoccupazione, sia per il blocco totale dei finanziamenti da parte della Regione Lazio sia per l’applicazione del piano casa, è il circolo cittadino del Pd, attraverso una nota a firma del coordinatore.
«Dal 15 settembre – scrive Carlo Delli Cicchi – la Regione ha disposto ufficialmente il blocco totale degli impegni di spesa e dei pagamenti. I comuni si vedono bloccati fondi indispensabili alla loro sussistenza. Anche ad Arce questo provvedimento peserà gravemente sulle opere in corso e sui servizi erogati. A fronte di questa situazione il Circolo del Pd di Arce condanna il modo di amministrare della giunta Polverini e con essa tutti quei consiglieri regionali del Pdl, che, invece di preoccuparsi della grave crisi economica del nostro territorio, fanno a gara a chi è più presente nei vari convegni sul cosiddetto “piano casa”. Un provvedimento quest’ultimo, – ha detto ancora Delli Cicchi – definito da molti incostituzionale in più parti. Con tale legge il patrimonio ambientale e culturale della nostra regione e quindi dei nostri territori non viene più tutelato. Siamo in presenza di un testo che, inoltre, può aprire contenziosi nei condomini e nei quartieri, perché agevola ampliamente selvaggi e fuori da ogni logica programmatoria. Non favorisce inoltre il bisogno della gente comune ad avere una propria casa, ma da modo solo a chi può permetterselo di ampliare, pagando, il proprio patrimonio edilizio, con conseguente aumento di colate di cemento. Pertanto – ha concluso il coordinatore – facciamo appello alla sensibilità dei nostri amministratori, affinché vengano “salvate” alcune zone del nostro territorio da possibili scempi».

14
Da: ; ---- Autore: