Prima Veroli, pronto riscatto casalingo – Contro il temuto Brindisi la squadra fornisce un’eccellente prestazione

Si riscatta immediatamente la Prima Veroli Basket che di fronte ai propri tifosi s’impone dopo 40 minuti di battaglia ad un coriaceo e mai domo Brindisi, 85 a 78 con questi parziali: 20-14, 23-19, 19-20, 23-25.
Costretta ancora ad avere nel roaster Robinson anche se infortunato il gruppo di Cancellieri deve far dimenticare la sciagurata ultima gara casalinga contro Pistoia nel turno ultimo giocato, al palazzo dello sport arriva Brindisi senza i suoi tifosi, ordinanza delle forze dell’ordine visto le precedenti esperienze tra le due tifoserie.
Farcita d’atleti molto giovani, Plumari, Iannarilli, Fall, Cancellieri si affida ai più blasonati Rossi, Gatto e Nissim in campo mediamente per oltre 35 minuti, un vero tour de force per questi atleti che alla fine faranno la differenza consentendo a Veroli di salire di due punti in classifica.
Dall’altra parte coach Perdichizzi schiera i vari Crispin, Thomas e Infante capaci di reggere botta con qualsiasi formazione.
Ritorno in Ciociaria per Massimo Origlio che ora siede da assistente proprio sulla panca brindisina, per lui il giusto tributo da parte del pubblico che ha anche osannato l’ex prefetto di Frosinone Cesari che lascia il suo incarico per andare in pensione, per lui una maglia giallorosa con le firme dei giocatori donata dal presidente della Prima Zeppieri.
La gara nel primo quarto sembra essere nelle mani degli ospiti che partono forte e conducono anche di 5 per poi lasciare la palla a Veroli che grazie alle bombe di Gatto, Rossi, Bushati e Nissim prima impatta e poi chiude il parziale sul 20 a 14, non male.
Nel secondo quarto stesso andamento della gara con Brindisi attaccata da tutte le parti del campo dai veloci cambi di passo dei giallorossi capaci di aggredire sotto il canestro e di ripartire senza guardarsi indietro, proprio una ripartenza su una palla intercettata da parte di Hines consente a Veroli di portarsi sul + 12 a metà del tempo e poi di amministrare la rimonta di Brindisi che si porta a -5 con una bomba terrificante da distanza siderale da parte di Radulovic, ma è un fuoco di paglia, infatti, il tempo si chiude con Veroli in vantaggio di 9, 42 a 33.
La terza frazione parte in modo negativo per Rosselli che dopo pochi secondi prende il 3° fallo personale, fa peggio Brindisi con il terzo per Radulovic e addirittura il quarto per Bryan, poi diventano protagonisti anche gli arbitri che assegnano un fallo tecnico a Hines che porta vicino Brindisi che non ne approfitta consentendo ai padroni di casa di chiudere ancora in vantaggio, questa volta di 11, 62 a 51.
Nella quarta e ultima frazione due triple consecutive di Pinton e di Thomas portano gli ospiti sul -4 con 7 minuti da giocare, ma ecco che in cattedra Buscati che decide d’essere protagonista con giocate da vero gladiatore, un paio di sue giocate infiammano il palasport che trascina i propri beniamini a risalire dal + 3 fino al + 11 in pochi secondi. Le bombe di Nissim, Foiera, Gatto e Rossi allungano il risultato che non cambia fino alla fine, neanche l’uscita per il 5° fallo di Hines modifica le sorti della partita che si chiude con Veroli avanti di 7, 85 a 78, bene.

TABELLINI:

PRIMA VEROLI:Robinson n.e.Rossi 7, Gatto 8, Simeoli 2, Rosselli 18, Plumari n.e. Nissim 14, Iannarilli n.e. Bushati 7, Foiera 11, Fall n.e. Hines 18, coach Massimo Cancellieri

ENEL BRINDISI: Radulovic 5, Crispin 19, Pinton 6, Maresca 3, Infante 13, Cardinali 5, Malagoli n.e. Bryan 13, Coviello n.e. Thomas 14. Coach Giovanni Perdichizzi

Miglior realizzatore  Joseph Crispin 19 punti miglior valutazione Kyle Tyrrel Hines 23 di media

Parziali 20-14, 23-19, 19-20, 23-25

 

54
Da: ; ---- Autore: