Rocca d’Arce – Il Protettore – San Bernardo Confessore, la vita

San Bernardo Confessore

La vita

San Bernardo, era nato in Inghilterra, nella città di Silions, verso la fine del VI secolo. Era coetaneo e conterraneo di Sant’Arduino (Protettore di Ceprano), San Folco (Protettore di Santopadre, da visitare nella pagina apposita), San Gerardo (Protettore di Gallinaro). Nati tutti e quattro a Silions , in Inghilterra, si frequentarono da fanciulli, ricevettero la stessa educazione, vissero gli anni e i problemi della conversione delle loro famiglie e dell’intera società al Cristianesimo, progettarono insieme e attuarono lo stesso proposito di vita. San Bernardo nacque da una famiglia che da poco si era convertita al Cristianesimo e la sua patria, L’Inghilterra, era ancora tutta pagana. Al tempo di San Bernardo, che coincide con il tempo dell’evangelizzazione di Sant’Agostino, l’Inghilterra subiva una radicale trasformazione sociale-politica, dietro la trasformazione religiosa: dal paganesimo germanico degli Anglo-Sassoni passava al Cristianesimo romano di Gregorio Magno. San Bernardo, decise di camminare il mondo, insieme a San Gerardo, San Folco e Sant’Arduino, fratelli in Cristo e di visitare i luoghi santi di Gerusalemme e della Terra Santa, la grotta di Santa Maria Maddalena in Marsiglia, di San Giacomo in Galizia, di San Nicola a Bari, di Sant’Angelo in Puglia sul Monte Gargano e i luoghi santi di Roma, come in effetti fecero, mossi da un grandissimo bisogno di fuggire dalla loro terra e dal regno d’Inghilterra, non potendo sopportare la tirannide e le eresie ivi disseminate. Camminarono, perciò, i quattro Santi, per tutti i luoghi suddetti, finchè, provenienti dal Santuario dell’Arcangelo nelle Puglie, arrivarono nella città di Atina. Qui San Gerardo, uno di essi, morì l’11 agosto. Dopo, ammalatosi San Bernardo in Arpino, San Folco in Santopadre e Sant’Arduino a Ceprano, in breve tempo morirono in detti luoghi, dove fino ad oggi i loro corpi riposano e dove sono esposti al culto con gran venerazione dei fedeli. Solo il glorioso San Bernardo volle essere trasferito dalla sepoltura di Arpino alla chiesa parrocchiale di Rocca d’Arce, ove tutt’ora risiede in abbondanza di miracoli. Questi avvenimenti si commemorano il 14 di ottobre. Nel corrente anno 1698, addì 26 giugno, essendo iniziati i lavori per la costruzione di una nuova cappella, per ordine di Mons. Ill.mo Giovanni Ferrari, vescovo di Aquino, vi fu ritrovato il Santo Corpo, che il predetto vescovo mostrò a tutto il popolo, sistemando la cappella e celebrandovi la messa del Santo. Poi pose nuovamente il Corpo del Santo in una cassa di piombo, donata dall’Ill.mo Duca Sig. Antonio Boncompagni, per interessamento dell’Arciprete della predetta Chiesa don Antonio Nardone di Arce, ripiena di bambagia, dentro un’altra cassa di legno, che racchiude la cassa di piombo. Intanto fu eretto il nuovo altare, in mezzo al quale fu riposta la cassa, che venne circondata di ferro da ogni lato e fu ordinata la costruzione dell’intera cappella, che fu terminata nel predetto anno 1698, nel mese di agosto, con una spesa di ducati 886.

La presente "Vita di San Bernardo" è dedotta dall’Inventarium Originalis Ecclesiae Parochialis Sanctae Mariae Roccae Arcis, del 1698, per mano dell’Arciprete della stessa parrocchia, Don Antonio Nardone di Arce.

 

48
Da: ; ---- Autore: