‘Sblocca debiti’ – La proposta di Marco Marzilli

ARCE – Decreto “sblocca debiti”, l’ex assessore al Bilancio Marco Marzilli presenta un’interrogazione al primo cittadino.
Il Comune di Arce potrebbe rientrare nel decreto legge approvato lo scorso 8 aprile che consentirebbe alle Amministrazioni, rispondenti a precisa condizioni di bilancio di pagare i fornitori che vantano debiti certi, liquidi ed esigibili alla data del 31 dicembre 2012.
«Con questo decreto – spiega Marco Marzilli – è stata data la possibilità ai Comuni di saldare i debiti in conto capitale per i quali sia stata emessa fattura di pagamento entro la fine dello scorso anno. In pratica l’Ente – aggiunge l’ex assessore – può effettuare pagamenti per un importo pari al 13% delle disponibilità liquide detenute presso la tesoreria statale al 31 marzo 2013 e, comunque, non oltre entro il 50% degli spazi finanziari richiesti. Lo stesso decreto prevede sanzioni a carico d quegli enti che, senza giustificato motivo, ometto di richiedere gli spazi finanziari nei termini e secondo le modalità previste. Ma non solo. La mancata registrazione sulla piattaforma elettronica del Ministero dell’Economia, Ragioneria dello Stato, è rilevante ai fini della misurazione e della valutazione della performance individuale dei dirigenti responsabili e comporta responsabilità dirigenziale e disciplinare con possibili conseguenze di sanzioni pecuniarie. Sarebbe interessante conoscere – conclude Marco Marzilli – se il Comune di Arce ha attivato questa procedura e, nel caso affermativo, quali creditori potranno beneficiare dei pagamenti».
A giorni, comunque, il Ministero dovrebbe pubblicare la lista dei Comuni che sono stati ammessi ai benefici del cosiddetto decreto “sblocca crediti”.

226
Da: ; ---- Autore: