Scauri-Minturno – Arce 1-0. Sconfitta di misura, ma c’è il gioco – Dopo il completo rifacimento della società, l’inizio è stato promettente, forse sperare di cambiare compiendo un’inversione ad u, era troppo, oggi in quel di Minturno l’Arce ha tenuto testa ad una squadra che naviga nelle zone alte della classifica e propone un calcio fatto di fraseggi a terra molto efficaci e i gialloblu hanno patito proprio la loro destrezza nel possesso di palla

La gara: Si comincia subito al 7°, i padroni di casa cercano immediatamente di imporre le loro rapide manovre, nella ripartenza Sommella affonda dal vertice sinistro, va a raccogliere uno spiovente al limite e Pagnanelli lo anticipa di testa ma si appoggia sull’avversario, punizione dal limite sinistro, si incarica della battuta il n. 11 Pirolotti che va pizzicare il vertice basso alla destra dell’incolpevole Di Girlamo, giusto vantaggio per i padroni di casa. Il goal taglia un po’ le gambe agli uomini di mister Scagliarini e rischiano anche il raddoppio cinque minuti dopo, ma il nostro portierone ci mette una pezza, al 16° risponde finalmente l’Arce, il mobile Di Roberto serve Bruni che si accentra all’altezza della lunetta e batte di poco alto, ancora al 27° azione Massari-Di Roberto, fallo su quest’ultimo e punizione, batte lo stesso Massari C. e Generelli  para. Ovvio che gli avversari non stanno a guardare, macinano ripartenze pericolose ed al 35° Martino fa tremare la traversa della porta dell’Arce su una veloce incursione dalla destra, si ripetono al 39° su calcio d’angolo con il n. 5 De Mari che manda di poco alto, risponde Pagnanelli che riceve dalla sinistra a mezza altezza e colpisce al volo, di poco al lato, si chiude la prima frazione di gioco con una sacra ammonizione al n. 4 Neri che simula in area una plateale caduta che non trae in inganno il bravo arbitro, sig. Ricci di Tivoli.
Nella ripresa è l’Arce a serrare le fila, la competizione è apertissima, dal 4° al 10° l’indomabile Massimiliano Partigianoni serve almeno tre palloni alla tre quarti che mettono  Massari C e Di Roberto a tu per tu con Generelli, ma sfortuna e forse la poca convinzione delle proprie possibilità, non portano ad un meritato pari. Lo stato nervoso del comunque indispensabile Pessia, crea un po’ di vuoto fino al 26° quando un bel velo di Di Roberto porta Caracci a ridosso dell’area pronto a colpire, solo un brutto fallo di Neri lo ferma, batte il possente Pessia ma trova l’altrettanto bravo Generelli. I tempi sono maturi, la quantità di gioco espressa dall’Arce è tanta, le incursioni si ripetono a brevissima distanza, i padroni di casa sono tutti racchiusi nella loro metà campo, stavolta, però sono il tocco della palla con le mani di Sica e relativa ammonizione a dare all’Arce la giusta opportunità per il pareggio, rigore sacrosanto al 39°, si incarica di batterlo Di Roberto, ma come si è già detto , il bravo Generelli intuisce e para togliendo ai giallo blu una meritata ricompensa del grande lavoro svolto chiudendo così la gara con una sconfitta che pregiudica ancora di più la delicata posizione in classifica dell’Arce, la consolazione è quella del radicale cambiamento di direzione che non vorremmo mai fosse arrivato tardi.

 

I tabellini:

 

S.-Minturno: Generelli, Sica, Campon, Neri, De Mari, Illiano, Merola, Russo, Sommella, Martino, Pirolotti. A disp.: Treglia, Crispino, Canali E., Canali D, Garofalo. All. sig. sessa.

 

Arce: Di Girolamo, Della Bona, Pagnanelli, Massari A., Partigianoni, Pessia, Caracci, Vittorelli, Di Roberto, Bruni, Massari C., A disp.: La Valle, Casavecchia, Ricci, Casciano, Fiorentini, D’Angelo, Filosa. All. sig. Scagliarini.

 

Marcatori :  Pirolotti (S.-Minturno)

 

Sostituzioni: S.-Minturno: Garofalo x Merola, Canali D. x Pirolotti – Arce: Fiorentini x Partigianoni, D’Angelo x Caracci

 

Ammoniti. Merola, neri, Sica (S.-Minturno) – Massari, Pessia (Arce)

 

Arbitro: sig.Ricci (Tivoli)

 

 
37
Da: ; ---- Autore: