‘Scelte oculate che esulano dalla polemica’ – La replica di Marco Marzilli

ARCE – «Il nostro ruolo ci impone di assumere atteggiamenti seri e realistici, non demagogici o populisti».
Secca la replica dell’assessore al Bilancio, Marco Marzilli, alle dichiarazioni di Gianni Nardone. Il consigliere d’opposizione aveva accusato l’amministrazione di svantaggiare le classi sociali più deboli e di impoverirle ulteriormente con l’applicazione della nuova tassa sugli immobili.
«Gli amministratori locali – ha spiegato l’assessore Marzilli – sono costretti a metterci la faccia su una tassa, l’Imu, chi i Comuni non incassano per intero, ma che devono dividere con lo Stato centrale. Questo – sottolinea – è bene che i cittadini lo sappiano, convinti che con il ritorno della tassazione sulla prima casa i sindaci abbiano risolto tutti i loro problemi di bilancio. Non c’è alcuna intenzione da parte dell’amministrazione di fare “cassa”: se il Comune di Arce applicherà le aliquote “base” (0,4 e 0,76) il gettito Imu, al netto di quanto spetta allo Stato, sarà di poco inferiore a quello che è stato incassato nell’esercizio 2011 (4mila euro in meno circa rispetto). Mai come in questo momento – fa notare ancora l’assessore – è necessario essere lontani da promesse insostenibili, ma vagliare scelte eque e responsabili, in vista del mantenimento di un livello accettabile di welfare comunale. Fare un bilancio preventivo in tempo di crisi – ha concluso – è impresa ardua e difficile e non può assolutamente rappresentare un azzardo».
 

29
Da: ; ---- Autore: