Schiacciati dalla neve – Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine per mettere in sicurezza le aree. Il sindaco Donfrancesco ha disposto la chiusura delle scuole per tutta la settimana

COLFELICE – Crollate cinque serre e un capannone industriale.
Non ha nevicato ieri a Colfelice, ma gli effetti “collaterali” delle decine di centimetri di ghiaccio e neve che si sono accumulati sugli edifici e sui tetti hanno inevitabilmente causato dei crolli. Ieri pomeriggio, sono infatti interamente crollate le strutture in ferro e vetro di cinque enormi serre dell’ex azienda ‘Florex’ in via Selva. Risalenti a oltre cinquant’anni fa, le serre, costruite dalla ditta che si occupava di coltivazione di fiori, sono state recentemente rilevate da alcune ditte del posto per usarle come deposito di materiale vario, ma per un certo periodo sono state utilizzate, alcune per la produzione di congegni metallici, altre per la coltivazione di prodotti ortofrutticoli.
«E’ incredibile come abbiano retto alle intemperie di tutti questi anni – ha detto il sindaco Bernardo Donfrancesco che ieri per primo ha fatto un sopralluogo nella zona insieme all’assessore Andrea Fraioli – e ora siano crollate sotto il peso della copiosa neve caduta nel fine settimana».
Oltre al comandante della Polizia municipale Mario Nardone, del cedimento si sono occupati i Carabinieri e i volontari della Protezione civile coordinati da Massimo Nardone. Subito dopo, un secondo sopralluogo delle istituzioni e delle forze dell’ordine si è reso necessario lungo la via Casilina, dove, sempre nella giornata di ieri, è crollato anche un capannone industriale dismesso da tempo  e attualmente di proprietà della Banca Popolare del Cassinate. Per fortuna, in entrambi i casi, nessun danno alle persone e agli edifici circostanti, ma tanta paura per ciò che potrebbe accadere anche ad altri fabbricati.
Ieri mattina, intanto, il sindaco del paese ha disposto che le scuole rimangano chiuse per tutta la settimana. Come era prevedibile, questo è il primo provvedimento che il sindaco Bernardo Donfrancesco ha deciso di prendere in vista della nuova allerta maltempo. Decisamente migliorata invece la situazione delle strade del paese.
«Il nostro ‘grazie’ più grande – ha detto il vicesindaco Rocco Di Rollo – va alle ditte che Fabio Fraioli, Massimo Marciano e Giovanni Tudino che già nella giornata di sabato sono riuscite ad aprire varchi consistenti nelle principali vie comunali. Senza fermarsi mai e mangiando appena un panino senza scendere dai mezzi, hanno spalato la neve per dodici ore continuative».
A loro, poi, martedì si sono aggiunti due bobcat messi a disposizione dal presidente del Consorzio di Bonifica “Valle del Liri” Ciacciarelli. Anche la strada Casilina nel territorio di Colfelice, la provinciale Ortella e la provinciale, che immette al paese sono completamente percorribili, ma il timore è che la prossima neve possa compromettere il lavoro fatto, al quale hanno attivamente partecipato, sin dal primo giorno di emergenza, anche i volontari della locale sezione della protezione civile e gli operai comunali.

19
Da: ; ---- Autore: