Scialbo pareggio casalingo per i canarini contro l’Ancona 1 a 1 – Rimandata ancora una volta la vittoria per i canarini che tra le mura amiche non riescono a battere neanche l’Ancona dell’ex Mastronunzio

Due partite casalinghe contro avversari sicuramente abbordabili e due pareggi che ora gettano i canarini in fondo alla classifica con tante recriminazioni soprattutto per il gioco che è latitato anche nella gara contro i marchigiani che raccolgono il massimo con il minimo sforzo.
Secondo match consecutivo casalingo per il Frosinone che ospita l”Ancona di Salvioni e dell’ex Mastronunzio. Rivoluzione tattica in casa canarina dove Moriero si affida alle due punte e coprendo di più il centrocampo: 4-4-2 con Frattali tra i pali, Bocchetti, Giubilato, Maietta e Semenzato in difesa, Cariello, Biso, Bolzoni e Troianiello in mediana, Stellone e Santoruvo in attacco. Modulo speculare per Salvioni con Mastronunzio e Colacone terminali offensivi.
Pochi minuti di gioco e Moriero deve fare un cambio, Cariello al 4° chiede il cambio al suo posto Basso, gara stabilmente nelle mani canarine che dopo vari tentativi passano in vantaggio, minuto 20 angolo di Troianiello, Stellone prende bene il tempo alla difesa marchigiana e con un colpo di testa da posizione ravvicinata batte Da Costa, primo goal dell’attaccante ex Torino. Dopo la rete, i locali amministrano bene e chiudono in vantaggio il primo tempo.
Nella seconda frazione di gioco quando tutti si aspettano la seconda rete del Frosinone ecco che l’Ancona diventa intraprendente e aumenta le giocate, di contro il Frosinone si rilassa e puntualmente arriva la punizione, il minuto è il 65, quando Schiattarella lascia partire un destro dal limite dell’area che s’infila all’angolino alla destra di Frattali 1 a 1 e tutto da rifare.
Tardivi i cambi operati da Moriero con Del Prete e Mazzeo che prendono il posto di Bocchetti e di Basso, anzi la gara lascia strascichi importanti per il prossimo turno, infatti, le ammonizioni di Biso e Santoruvo diventeranno squalifiche in quanto i due giocatori erano diffidati.
Ora il Frosinone dopo 32 turni è a 40 punti a più 4 dalla penultima la Reggina e anche il Piacenza sorpassa i canarini.
Ennesima delusione per i ciociari, le attese in queste due gare casalinghe sono state vanificate da due prestazioni scialbe e nervose ore serve un miracolo per raddrizzare questo campionato che anche le statistiche danno come deficitario, Frosinone ultimo nei punti conquistati nel girone di ritorno, ASSURDO. P.S. CONTINUA IL SILENZIO STAMPA DEL FROSINONE…..MA DE CHE….ASSUMETEVI LE VOSTRE RESPONSABILITA’ E SPIEGATE LA VOSTRE RAGIONI AI TIFOSI…..UNICO PATRIMONIO DI QUESTA SOCIETA’.

 

Max Marzilli

 

 

33
Da: ; ---- Autore: