Sconfitta di misura, ma inizio promettente. – Esordio promettente dell’Us Arce nonostante il risultato

Sperando di non aver annoiato nessuno, quest’ anno Franco ci riprova a seguire la nostra squadra e dare un piccolo servizio che possa informare i nostri lettori in modo esauriente, grazie per la sopportazione. Finalmente in promozione con una società rafforzata ed un gruppo di ragazzi pieni di entusiasmo, sono trascorsi una quindicina di anni dall’ultima platonica partecipazione ad un campionato di promozione, ci riproviamo senza sogni di gloria, ma una gran voglia di far bella figura e di valorizzare il grande impegno di un piccolo paesino voglioso di riscatto in tutti i sensi. Il primo impatto non è stato un successo ma il gruppo, guidato ancora una volta dal mister Rotondi, reduce dal gran campionato dello scorso anno, ha dimostrato che può dire la sua, senza temere nessuno, anche se l’incontro di oggi recava una notevole differenza su tutti piani, strutturale, organizzativo e tecnico, il Sezze milita da anni nei campionati superiori, noi ci riaffacciamo timidamente adesso in promozione.

La gara: il Sezze parte immediatamente a testa bassa all’attacco pensando di fare un sol boccone di una neopromossa, ma trova ad attenderli squadra ben piazzata in tutti i reparti con tanti elementi nuovi, Spiridigliozzi, Guadagno, Vittorelli, Campolo, De Luca, Ricci, e altri, inseriti per le nuove esigenze di questo torneo, e vecchie glorie De Santis, Patriarca, Gerardi, Manco. A reggere un primo impatto non facile; intorno al quarto d’ora ci portiamo in area di rigore del sezze con Campolo, al 40° il solito Manco, rasoterra dalla sinistra mette i brividi agli avversari che si ridimensionano vistosamente, si va al riposo sullo 0 a 0, al rientro il sezze ci riprova, ma ben presto le forze mancano, l’ Arce è più fresco li mettiamo alle corde con diverse proiezioni tra cui un tiro al volo di Manco dalla sinistra su passaggio di Gudagno che fa trattenere il fiato, una punizione dal limite parata in modo fortunoso, allo scadere l’inesperiensa ci tradisce, un calcio piazzato dal limite dell’area, per un fallo che forse si poteva evitare, il n. 15 la mette dove De Santis non poteva proprio arrivare, non c’era più tempo per rimediare, ma un punto l’avremmo proprio meritato, sarà per la prossima, siamo consapevoli che abbiamo grossi margini di miglioramento.

 L’Arce si è così schierato: De Santis, Spiridigliozzi, Ricci, Guadagno, Vittorelli, Gerardi, Campolo, Patriarca, Lombardi, De Luca, Mancoa disposiozione: Pagliarini, Bianchi, Sarra, Arcese, Proia, Esposito, Cinelli. La terna di arbitri era della sezione di Formia

61
Da: ; ---- Autore: