Scrutatori, ora arriva l’indicazione diretta – Costituita una commissione ad hoc

ARCE – Nomine degli scrutatori si cambia: via il sorteggio, arriva l’indicazione diretta.
Si è tenuta ieri mattina la riunione della commissione elettorale comunale composta dal sindaco Simonelli, l’assessore Brigida Fraioli, il consigliere di maggioranza Annalisa Quattrucci e il consigliere di minoranza Gianni Nardone. La novità della commissione, che in questa consiliatura è chiamata per la prima volta ad operare, consiste nella scelta di abbandonare il sistema di individuazione degli scrutatori tramite il sorteggio per affidarsi, come previsto dalla legge, alla nomina diretta. «L’incarico agli scrutatori – ha detto il sindaco – è avvenuta secondo il criterio prioritario dello stato di disoccupazione, indipendentemente dall’età e, inoltre, sono stati individuati giovani studenti per i quali questa potrà essere un’esperienza importante nella formazione della coscienza civica. Ulteriore elemento innovativo e rilevante – ha aggiunto Simonelli – è il fatto che ad ogni tornata elettorale ci saranno scrutatori diversi per fare in modo che tutte le persone che possiedono le caratteristiche sopra indicate abbiano la possibilità di svolgere il ruolo predetto. Il metodo del sorteggio, invece, utilizzato in passato, ha manifestato il limite di favorire, anche per solo casualità, talvolta gli stessi nominativi. La commissione – ha concluso Simonelli – ha lavorato per garantire il massimo della imparzialità e per assicurare la nomina anche a chi, pur essendo presente nell’albo da anni, non aveva mai ricoperto il ruolo di scrutatore». E’ importante sapere, comunque, che per essere nominati occorre essere iscritti all’albo previa richiesta da inoltrare all’ufficio comunale nei tempi stabiliti dalla legge. «In queste nomine – ha detto invece il consigliere Nardone – il mio ruolo è stato quello di cercare di salvaguardare anche gli equilibri del pluralismo. Pur non condividendo in tutto questa nuova scelta, si è di fronte a un nuovo e interessante approccio, per certi versi anche coraggioso. E’ noto a tutti – ha concluso Nardone – che il mio ruolo è abbastanza marginale in quanto, in caso di disaccordo nella commissione, si sarebbe dovuto procedere a una votazione per ogni nominativo presente nell’albo. E i rapporti di forza sono uno a tre!»

75
Da: ; ---- Autore: