Sedute consiliari trasmesse sul web – Un’idea che piace

ARCE – Consiglio comunale sul web, prende piede la proposta nata dalla rete.
E’ stata formalizzata nei giorni scorsi dal consigliere comunale Gianni Nardone la mozione inerente la possibilità di trasmettere le sedute del consiglio comunale on line.
L’idea è nata nel corso di una discussione sul noto network Facebook e ha avuto subito da più parti un grosso apprezzamento.
La voglia di partecipare alle assise civiche anche seduti dalla propria scrivania ha creato un fronte comune a sostegno di una proposta nata “dal basso”. Adesioni in tal senso sono arrivate da numerosissimi cittadini, ma anche dagli arcesi, che per disperati motivi, si trovano oltreoceano o momentaneamente lontani dalla loro terra.
E in attesa che la mozione arrivi in discussione  nel consesso civico (che dovrebbe essere prevista entro la fine dell’anno) è partita una vera e propria campagna di “moral suasion” verso i consiglieri comunali, che, in modo del tutto trasversale, stanno sostenendo l’iniziativa popolare. Hanno già espresso il loro sì “incondizionato” l’assessore alla cultura Brigida Fraioli e quello all’ambiente Vincenzo Colantonio. Con loro anche i consiglieri d’opposizione Gianni Nardone e Sara Petrucci. Pronto a sostenere i consigli on line si è detto anche il consigliere di minoranza Marcello Marzilli.
«E’ una iniziativa che condivido pienamente – ha detto – perché consente ai cittadini di partecipare ai lavori dei consigli, luogo dove si decidono le sorti del paese».
Mentre il capogruppo di maggioranza Marco Marzilli, preannunciando il suo “sì”, ha detto che l’amministrazione è ben favorevole ad intraprendere azioni che consentano una maggiore trasparenza e un coinvolgimento nei problemi che riguardano la vita pubblica del paese. Insomma, una proposta che dovrebbe avere una larghissima maggioranza e che potrebbe trovare qualche difficoltà solo nell’aspetto tecnico ed economico di realizzazione.
Ma anche su questo punto, ci sarebbe la disponibilità del portale www.arcenews.it e del suo web master Bernardo Di Folco ad ospitare il servizio sui propri server. Insomma, il pubblico dei consigli comunali, finora composto da 10 o 15 persone, è destinato ad aumentare… notevolmente!

48
Da: ; ---- Autore: