Sequestrato kit per clonare i bancomat – L’apparecchio era collocato nel dispenser della banca Monte dei Paschi

ARCE – Un congegno elettronico piazzato nel bancomat esterno della banca e in grado di memorizzare i codici delle card magnetiche inserite dai clienti.
E’ quello che ieri mattina hanno sequestrato i carabinieri della stazione di Arce, agli ordini del maresciallo Gaetano Evangelista e coordinati dalla Compagnia di Pontecorvo, diretta dal capitano Pierfrancesco Di Carlo e dal tenente Vincenza Sannino, nell’ambito di un’operazione di monitoraggio predisposto dalla Compagnia stessa, su diversi bancomat e casse continue ubicate nel territorio di competenza. In pratica, grazie ad alcune segnalazioni di clienti della banca Monte dei Paschi di Siena, ubicata su via Casilina all’incrocio con via Stazione, i militari hanno individuato un congegno elettronico che, durante la notte, ignoti avevano ben sistemato nel bancomat esterno dell’istituto di credito, dopo averlo manomesso.
L’apparato elettronico, inserito nella fessura dello sportello, era in grado di leggere e memorizzare il codice segreto che il cliente deve digitare, una volta introdotta la tessera magnetica, per poter effettuare il prelievo o altra operazione. In questo modo, una volta registrati i numeri “magici”, era possibile clonare bancomat e carte di credito, utilizzandole senza che il titolare potesse sospettare nulla, ovviamente fino a quando un estratto conto o la banca stessa avessero rivelato l’avvenuto prelievo. Il dispositivo è stato messo sotto sequestro, mentre i carabinieri di Arce hanno provveduto, nella stessa mattinata di ieri a raccogliere le informazioni dei clienti che si sono accorti del congegno applicato al bancomat. Grazie alle loro testimonianza, infatti, i militari sono ora in possesso di un identikit e delle targa di un’auto attraverso i quali potrebbero risalire ai responsabili della truffa.

42
Da: ; ---- Autore: