Sermoneta – Arce 2-0 – Il campo Pontino in quel di Sermoneta non riconferma le promesse dei dopo i nuovi arrivi delle scorse settimane, mancano gli appoggi giusti alle capacità di un talento come M. Corsetti che spesso oggi si è trovato ad operare da solo dovendo andare a prendere palloni molto lontani compromettendo le occasioni da limite dell’area

Sermoneta: Marinelli, Sangermano, Notarpietro, Bulboaca, Dongu, Piras, Fiaschi (10° Silvestri), Pelle, Ciccarelli, Lubirati (70° Tomassi), Cherubini (59° Ponso).  A disp. : Pstro, Maretellacci, Silvestri, Birk, Ponso, Tomassi, Petrussa. All. sig. Giovannelli

Arce: Leonetta, Macioce (76° Guida), Di Vito, Iannitti (46° Chiarlitti), Iori, Cappelli, Tasciotti (46° De Angelis), Colella, Corsetti, Massari A., Massari C.. A disp.: Pesce, Della Bona, Guida, Bianchi, Polsinelli, Chiarlitti, De Angelis. All. sig. Scaglirini.

Marcatori.: (Sermoneta) 6° e 88° Ciccarelli
Ammoniti.: (Serm.) Sangermano, Notarpitro, Dongu, Piras, Pelle – (Arce) Cappelli, Tasciotti, Corsetti, Massari A.
Espulsi: Silvestri
Arbitro: sig. Esposito di Aprilia

SERMONETA – La gara in casa Pontina poteva andare anche diversamente, ma prendere il goal appena all’inizio della gara, a volte scombina i piani più attenti e costringe a rincorrere prestando il fianco troppo spesso. Già al 5° il bravo centrale d’attacco Ciccarelli semina il panico al limite dell’area Arcese e lascia partire un micidiale tiro che beffa Leonetta sulla sua destra per il vantaggio dei locali, la gara prende la solita piega con i Pontini che difendono e l’Arce che prova ad attaccare scoprendosi pericolosamente. Il primo tempo, con l’andazzo descritto, trascorre con pochissime occasioni da ambo le parti eccetto tra il 35° e il 37° con una occasione per parte ad opera di Cherubini per i locali e di Massari A. che servito da Corsetti centrale in area gira debole.
La seconda metà della gara, ovviamente vede l’Arce stringere i tempi, ma rischia al 49° di subire il raddoppio locale sempre ad opera dell’inarrestabile Ciccarelli che con il suo grande possesso di palla percorre trenta metri fino al limite batte sulla destra fuori di un soffio ripetendo quasi il copione del primo tempo. Gli Arcesi si rendono conto che è ora di darsi da fare, ma mancando un gran punto di riferimento sulla sinistra come l’assenza di Valev per squalifica, le cose sono un po’ complicate, si cercano solo canali centrali per portarsi al limite dell’area avversaria, dalla parte destra manca anche Bottoni, risultato è che i tiri si contano sulle dita della mano, invece le ammonizioni e quindi le squalifiche sono abbondanti come al solito ed ogni domenica bisogna ricorrere a ricambi che, magari non sono al meglio; si deve temere per caso un tantini di persecuzione? È meglio non pensarci. L’ingresso di De Angelis all’inizio della ripresa ha snellito un po’ l’attacco ma continua a cozzare contro un muro della difesa pontina pilotata  dai signori Dongu e Piras e solo al 61° dopo una punizione di Colella dai venticinque metri su respinta della difesa riprende in corsa De Angelis che passa in mezzo ad una selva di gambe e il numero uno Pontino se la ritrova tra le mani quasi incredulo. La svolta potrebbe dar ragione all’Arce dal 70°, quando il neo entrato Sivestri che sostituisce Fiaschi dal quarto d’ora del primo tempo, si fa espellere per doppia ammonizione. Si pensa bene di avanzare il baricentro del gioco, ma il risultato non è quello sperato, la confusione in attacco e le ripartenze brucianti dei Pontini ci espongono al raddoppio in modo incredibile, infatti già al 85° un bel dialogo tra Tomassi e Petrussa, neoentrati, li porta da soli davanti a Leonetta che sventa con un po’ di fortuna, ma nulla può quando all’88° il solito Ciccarelli si inventa uno slalom dall’estremadestra, che lo porta al tiro beffando per la seconda volta l’Arce e chiudendo la gara con un regalare due a zero che non lascia dubbi.

106
Da: ; ---- Autore: