‘Servizi sociali, il Comune dovrebbe investire più risorse’ – Gianni Nardone dopo le polemiche

ARCE – «Servizi sociali: un grosso problema per il paese».
Gianni Nardone non usa giri di parole per descrivere lo stato delle politiche sociali attive sul territorio comunale. Partendo dalla querelle che in questi giorni ha coinvolto l’Amministrazione comunale, la dirigenza scolastica e i genitori degli alunni disabili, il capogruppo di minoranza, chiede un intervento immediato su tutto il settore.
«Ci troviamo – ha detto Nardone – di fronte a servizi che mi sembrano ultimamente scaduti qualitativamente e quantitativamente. L’assessore al ramo dovrebbe mostrare più coraggio nelle scelte in linea con l’importanza del settore e prevedendo soprattutto più risorse».
«La maggioranza consiliare – prosegue – deve provvedere ad integrare con un finanziamento congruo sia il servizio di assistenza domiciliare (Sad) sia gli altri servizi di assistenza. A tale proposito nei prossimi giorni provvederò a presentare un’apposita interrogazione a risposta scritta su tale specifica problematica e mi farò carico di sollecitare un apposito intervento finanziario in occasione dell’approvazione degli assestamenti di Bilancio».
«Una corretta fruizione dei servizi sociali ad Arce – spiega ancora Nardone – credo debba avvenire con una sintonizzazione strategica tra il Terzo Settore, la Regione Lazio e il Comune per un efficace azione di welfare territoriale. Sarebbe inoltre necessario rimodulare anche i rapporti con l’Aipes, che ultimamente mi sembrano un poco in sofferenza».
«La dimostrazione di queste carenze – ha concluso – è comunque verificabile dall’ultimo Bilancio, dove per il sociale si poteva fare sicuramente molto di più».

42
Da: ; ---- Autore: