Si ferisce e simula una rapina – Ora è ricoverato in prognosi riservata all’Umberto i di Frosinone. Denunciato. L’episodio si è verificato nella notte tra giovedì e ieri intorno alle 3.30

ROCCA D’ARCE – Simulazione di reato, procurato allarme, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e detenzione abusiva di munizioni per armi comuni da sparo.
Queste le accuse in base alle quali un pensionato di 74 anni, G.B., residente a Rocca D’Arce, è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della stazione di Arce, al comando del maresciallo Gaetano Evangelista.
L’anziano, infatti, in piena notte, tra giovedì e ieri, ha chiamato il pronto intervento chiedendo aiuto e denunciando di aver subito una rapina in casa, durante la quale due ignoti lo avrebbero colpito sparando con un fucile a canne mozze. Questo, stando a quanto dichiarato ai carabinieri che hanno risposto al numero d’emergenza, gli avrebbe procurato una ferita con emorragia ad una gamba. Immediato, dunque, l’intervento dei militari che si sono portati presso l’abitazione dell’uomo. Una volta giunti sul posto, però, i carabinieri hanno da subito notato che qualcosa non quadrava nel racconto fornito dal 74enne. Dopo accurate indagini, infatti, i militari hanno avuto ragione di appurare che l’uomo, precedentemente e per motivi che ancora sono in fase di accertamento, aveva colpito l’innesco di una cartuccia con un cacciavite, causandone la deflagrazione. Questa, a sua volta, gli avrebbe procurato una vistosa ferita alla gamba, con copiosa emorragia. Così sono stati allertati anche i sanitari del 118 che hanno provveduto a soccorrere l’uomo e a trasportarlo presso il nosocomio frusinate, dove si trova tuttora ricoverato in prognosi riservata. I carabinieri lo hanno, quindi, denunciato a piede libero per simulazione di reato, procurato allarme, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e detenzione abusiva di munizioni per armi comuni da sparo.

31
Da: ; ---- Autore: