Sigma Barcellona demolita dalla corazzata Veroli, alla fine vincono i ciociari per 104 a 71 – Parziali: 31-18, 53-35, 77-53, 104-71. Coach Pancotto alla fine di questa partita s’interrogherà a lungo sullo sviluppo della gara, mai in partita e stranamente mai reattivi in ogni fondamentale i suoi ragazzi che hanno subito la voglia di vittoria dei ciociari, troppo forte questa Prima che s’impone in tutti i fondamentali chiudendo con delle percentuali impressionanti

Approccio difficile alla gara per il coach che deve rinunciare a Mocavero e non è poco, la tecnica prevede di stanare i lunghi ciociari con fraseggi importanti, ma è difficile giocare contro questo Veroli che ha in Rosselli e Gatto i suoi giocatori più in forma senza dimenticare Jackson e Penn.
Numeri alla mano non c’è stata mai partita dopo pochi minuti il parziale dava ragione ai padroni di casa che vanno avanti di 8 punti lasciando a 0 i siciliani che stentano a trovare le misure del rettangolo di gioco, la gara scivola via sempre saldamente dei padroni di casa che prendono coraggio e pregustano una serata di gloria, alla prima sirena il risultato da conferme al coach Cavina che sorride avanti di 13, 31 a 18. Pancotto prova a dare spazio a tutti i suoi elementi per trovare delle contromosse valide, ma sonno le percentuali a dargli torto, i verolani vanno a referto da ogni angolo del parquet punti pesanti soprattutto da tre, 16 canestri che da soli fruttano 48 punti con una percentuale che supera il 64%. La Sigma prova a difendersi, ma oppone delle percentuali “normali” che non consentono di abbozzare neanche una minima reazione, da tre solo il 29%, va un po’ meglio da due con il 44%, ma sono numeri piccoli contro le prestazioni super dei padroni di casa che arrivano al 66% da due e strappano addirittura 32 rimbalzi contro i 24 dei sicliani. Il parziale del secondo quarto ancora favorevole ai locali si fissa sul 53 a 35 con 22 punti per Veroli e 17 per Barcellona.
Mancano gli stimoli in molti giocatori giallorossi siciliani che si sciolgono come il ghiaccio al sole, Pancotto richiama Hichs e Crispin in panca visto che due dei suoi giocatori più rappresentativi non fanno la differenza in campo, la gara sembra irrimediabilmente gia chiusa per l’enorme differenza sul parquet, Veroli gioca  a memoria mandando a canestro quasi tutti i suoi atleti, significativi i numeri dei punti dei suoi giocatori, Penn 15, Rosselli 18, Gatto 17, Kavaliauskas 16, Brkic 13 e portando il suo uomo più rappresentativo ad essere il miglior realizzatore della gara con 21 punti, Jarrius Jackson per lui anche 24 di valutazione dalla lega.
Per Barcellona solo Hicks con 18 punti per il resto nulla o quasi, forse in questa ultima analisi stà tutto il racconto della gara che non ha offerto le giuste garanzie al tecnico siciliano che si è sentito impotente davanti alla prestazione disastrosa dei suoi giocatori. Per la cronaca il terzo quarto si chiude sul 77 a 53 ma oramai la gara è chiusa. Nella quarta e decisiva frazione di gioco pura accademia da parte dei padroni di casa che giocano divertendo il pubblico presente regalando ottime individualità c’è spazio per i giovani del vivaio con il debutto di Iannarilli che corona il suo sogno giocare tra i professionisti. Alla sirena conclusiva il tabellone registra il 104 a 71 per i locali con gli ospiti che escono a testa bassa salutando e scusandosi con i 50 coraggiosissimi tifosi che li hanno seguiti in terra ciociara con la speranza di non offrire mai più uno spettacolo così deludente.

 

 

 

Prima Veroli: Mariani 0, Rossetti 1, Fontana 0, Penn 15, Rosselli 18, Gatto 17, Kavaliauskas 16, Jackson 21, Brkic 13, Iannarilli 0, Iannone 0, Binetti 3, Coac Cavina

 

 

 

Sigma Barcellona: Biondo n.e. Coppolino 0, Hicks 18, Da Ros 10, Cardinali 10, Crispin 8, Bucci 5, Bonessio 6, Ghiacci 5, Achara 5, Sorrentino 4. Coach Pancotto.

 

 

 

Max Marzilli

 

 
42
Da: ; ---- Autore: