Stazione a fuoco. I cittadini chiedono più sicurezza – Le altre proteste

Sdegno per gli atti vandalici alla stazione. All’indomani della notizia dell’incendio presso la struttura delle Ferrovie dello Stato, non si placa la polemica di residenti e pendolari che rivendicano maggiori attenzioni per la frazione. In particolare i cittadini di Isoletta tornano a chiedere all’amministrazione comunale di Arce di farsi carico, come giusto che sia, di un territorio che gli abitanti stessi definiscono abbandonato a se stesso.
Altre proteste
In questi giorni, poi, si è diffusa la notizia che il cimitero della frazione non avrebbe più posti per ospitare i defunti e che l’ultimo disponibile sarebbe stato occupato nei giorni scorsi. Qualcuno, sui social network, ironizza sul fatto, ma il problema, ai più, appare serio ed in molti si chiedono quando e quali provvedimenti verranno presi. Intanto, nella lunga lista dei problemi, c’è chi fa notare come la sezione della scuola dell’Infanzia d’Isoletta sia stata trasferita tout court ad Arce Capoluogo, al fine di consentire lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione.
«Questa frazione si sente abbandonata».
Ci ha detto una signora del posto.
«Dopo le belle parole, le promesse ed i buoni propositi ascoltati durante l’ultima campagna elettorale – ha aggiunto – non ci rimane che constatare che, molto probabilmente, non seguirà nulla. Ma noi cittadini – ha avvertito la donna – non ci arrenderemo e continueremo a chiedere impegno per la frazione».
Sulla vicenda dell’incendio alla stazione è intervenuto anche l’ex consigliere comunale Fabrizio Rossi.
«E’ inaccettabile che accadano certi eventi». Ha detto. «Chiederemo subito l’installazione di un impianto di video sorveglianza».
Intanto la frazione, sabato prossimo, si prepara ad ospitare la seconda edizione di “Giovani e Tradizioni”. Un percorso enogastronomico, organizzato dall’associazione Insula, che si snoda nei vicoli del piccolo borgo e che l’anno scorso fece registrare un record di partecipazione con circa 4500 presenze.

244
Da: ; ---- Autore: