‘Strada ufficialmente chiusa ma praticamente utilizzata’ – L’anomalia dell’arteria Sant’Eleuterio-Tramonti

ARCE – Strada riaperta, ma ufficialmente chiusa.
Sono ormai alcuni giorni che il tratto di strada della comunale Sant’Eleuterio-Tramonti, nella parte interessata dai lavori tra le contrade Frassi e Marzi, risulta nuovamente riaperta al traffico.
Due segnali ben evidenti, posti all’inizio del tratto oggetto dell’intervento eseguito dalla regione Lazio, indicano con un divieto d’accesso “per frana” l’impossibilità a percorrere la via.
Ma a quanto pare l’arteria è normalmente utilizzata dai residenti, che per lunghi mesi sono stati costretti, senza non pochi disagi, a raggiungere le proprie abitazioni solo attraverso la vecchia via dei Frassi. Una situazione che ricorda quanto accaduto nell’autunno scorso, allorquando il sindaco Simonelli emise un’ordinanza di chiusura di due tratti  della stessa strada perché ritenuti pericolosi. Atto che sollevò un vespaio di polemiche, culminate nella rimozione arbitraria da parte di alcuni cittadini delle barriere che impedivano il passaggio e la conseguente risposta stizzita dell’amministrazione che fece scaricare due camion di pietre per far rispettare l’ordinanza una volta per sempre.
A qualche cittadino, però, non è sfuggita questa possibile anomalia e ci ha segnalato il fatto.
«Non si capisce – ci ha detto – se su questa strada è possibile circolare o meno. Qui ci passano tutti, ma il segnale è altrettanto chiaro. C’è chi sostiene che i lavori in quel tratto siano stati ultimati, ma la strada non poteva essere ancora riaperta forse per questioni tecniche o burocratiche. L’amministrazione – ha concluso l’uomo – rispetto ad un anno fa, deve aver cambiato linea e piuttosto che far proseguire il disagio, ha preferito riaprire ufficiosamente la strada».

69
Da: ; ---- Autore: