Sui banchi a turni alterni – Gli alunni delle classi elementari saranno ospitati nei locali della media

ARCE – Venerdì 18 si torna a scuola ma con i doppi turni.
Gli alunni della primaria saranno ospitati nell’edificio della scuola secondaria di primo grado. L’organizzazione del tempo scuola è ancora tutta da definire, ma a questo punto sembra inevitabile il ricorso al  doppio turno pomeridiano.
La decisione sarebbe stata presa ieri pomeriggio durante un incontro, tenutosi presso il palazzo municipale, tra l’amministrazione comunale e il dirigente scolastico. Il protrarsi del tempo necessario per avere delle risposte certe sulle condizioni statiche del vecchio edificio delle elementari non può più incidere sull’inizio delle lezioni della scuola dell’obbligo. Partendo da questo dato, l’unica ipotesi che consente l’avvio immediato dell’anno scolastico è quella di utilizzare le classi delle medie anche per gli alunni delle elementari. Durante l’incontro sarebbero state anche stabilite di comune accordo le diverse competenze tra l’ente comunale e l’istituzione scolastica per gestire questa delicata fase. Il sindaco, forse già da oggi, emetterà un’ordinanza nella quale prorogherà, fino all’arrivo dei risultati delle prove statiche, la non fruibilità dell’edificio e il contestuale utilizzo dell’immobile della scuola media per le dieci classi delle elementari. L’organizzazione interna dell’Istituto Comprensivo, invece, sarà disposta dal dirigente scolastico, sentito il parere del Consiglio d’Istituto (che si dovrebbe tenere oggi pomeriggio) e del Collegio dei Docenti (previsto per domani). Mercoledì, invece, verrà indetta dal dirigente scolastico un’assemblea dei genitori nella quale verranno illustrate le decisioni prese e la nuova organizzazione del tempo scuola. Da quanto si è appreso, rimane deciso anche lo spostamento delle classi della scuola dell’infanzia (previsto per il mese di ottobre dopo i lavori di adeguamento) nei locali della scuola media, così come individuati nel consiglio comunale aperto del 2 settembre. Ipotesi alternative al doppio turno, fanno sapere dall’amministrazione, non sono al momento percorribili, sia per un problema di carenza di risorse e sia perché bisognerebbe trovare locali privati idonei ad ospitare le scolaresche e soprattutto in linea con la normativa antisismica attuale. L’imperativo ora è far partire l’anno scolastico, altre soluzioni possono essere vagliate in itinere, sempre che i risultati finali delle prove non consentano il rientro nella struttura di via Guglielmo Marconi.

145
Da: ; ---- Autore: