Tenta il suicidio e fugge. Muore dissanguato – Il corpo senza vita dell’uomo è stato trovato ieri mattina nella strada che porta alla selva comunale

Si toglie la vita tagliandosi la gola con un coltello da cucina. E’ morto dissanguato B.G. 55enne di Ceprano, sposato, con una figlia, dipendente di un istituto bancario di Ceprano. Secondo quanto si è appreso, l’uomo avrebbe compiuto l’estremo gesto nella notte fra sabato e domenica scorsa, dopo aver tentato prima di togliersi la vita nel bagno della propria abitazione. La sua auto è stata ritrovata ad Arce in località Frassi in una zona poco frequentata, a ridosso del bosco comunale. Da una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo abbia accusato un malore dopo cena e si sia rinchiuso in bagno. La moglie, preoccupata per quanto stava accadendo, ha tentato prima di farsi aprire la porta e poi, non avendo risposte, è riuscita con l’ausilio di una forchetta a rimuovere il fermo della scorrevole ed entrare. Una volta dentro, ha subito notato delle ferite sul collo del marito che a quel punto, in pigiama e ciabatte, è uscito di casa allontanandosi con la sua auto. Immediatamente la donna ha dato l’allarme e sono scattate le ricerche da parte dei Carabinieri di Ceprano, di Arce e diverse radiomobili. Ieri mattina un abitante di via Frassi, contrada nella campagna di Arce, ha notato una Volkswagen Bora grigia abbandonata in mezzo alla stradina che porta verso la selva comunale. Sul cofano dell’auto tracce di sangue che hanno fatto ulteriormente insospettire l’uomo che ha così chiamato il 112. Sul posto sono giunti gli uomini della Compagnia di Pontecorvo, guidata dal maggiore Fabio Imbratta e dal tenente Vittorio Tommaso De Lisa, che poche centinaia di metri più avanti hanno rinvenuto il corpo esamine dell’uomo. Inutile anche l’intervento dei sanitari del 118 che hanno soltanto potuto constatare il decesso. B.G. era conosciuto a Ceprano soprattutto per il suo lavoro in banca, era molto riservato, una persona tranquilla, piuttosto schiva all’apparenza. Pare che da qualche tempo soffrisse di disturbi depressivi, di qui molto probabilmente il suo gesto inaspettato. La salma è stata trasferita all’obitorio di Frosinone dove è a disposizione della magistratura. Con molta probabilità potrebbe essere disposto un esame autoptico.

144
Da: ; ---- Autore: