Traslazioni sospette con titoli di credito, assolto un 60enne – Insieme a sette persone

ARCE – Acquistavano titoli di credito all’estero e poi li ricollocavano sui mercati finanziari di mezza Europa. Un’attività che, però, è stata ritenuta sospetta ed è costata un processo per l’imprenditore G.C., 60 anni di Arce.
L’uomo era accusato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, alla ricettazione e al riciclaggio di titoli di credito e strumenti finanziari. In pratica, secondo l’accusa, C., insieme ad altre sette persone, via telefono e su internet si sarebbe procurato assegni bancari esteri, assegni circolari e altre garanzie bancarie falsi o provento di furto poi ricollocati sui mercati finanziari esteri.
C., processato dal tribunale di Lecce con rito abbreviato nel 2007 era stato condannato a una pena di due anni e mezzo di reclusione oltre alla interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. C., che è difeso dall’avvocato Raffaele Maietta, aveva presentato ricorso e così la Corte d’Appello lo ha assolto non ritenendo sussistente il reato associativo.

77
Da: ; ---- Autore: