Un anno di amministrazione Simonelli – Tra attese, critiche e apprezzamenti

ARCE – Un anno di amministrazione Simonelli, la parola ai cittadini.
Sono passati dodici mesi dal 9 giugno 2009, giorno in cui è avvenuta la proclamazione degli eletti e l’insediamento della lista Liberamente per Arce.
Abbiamo chiesto ai cittadini di esprimere un loro giudizio su quanto è stato fatto. Una sorta di bilancio “popolare” redatto anche grazie all’ausilio di nuovi mezzi di comunicazione quale i social network, senza comunque trascurare le classiche indagini di piazza e da bar.
Quello che emerge in maniera abbastanza evidente e condivisa è che il cambiamento atteso ancora non c’è stato. Le bacchette magiche non esistono, anche se le promesse della campagna elettorale sono state, come sempre, abbondanti. Così i cittadini si dividono tra coloro che per il momento si accontentano e chi, invece, chiede all’amministrazione una politica più incisiva sui problemi del paese.
«E’ presto per esprimere un giudizio ragionato – dice Carlo – ma comunque il nuovo esecutivo ha dato un segno di discontinuità». «Questa amministrazione ha dato una botta al vecchio sistema. – Scrive Francesco – A mio giudizio questo sembra un grande passo in avanti. I problemi sono tanti e bisogna lasciarli lavorare». In molti si preoccupano di vedere ripristinati alcuni servizi dell’ente. In particolare, tiene banco la questione scuole. «Che ne sarà – si chiede Annamaria – del nido comunale chiuso per inagibilità della struttura? Ad ottobre ripartirà il servizio?». «Sulla gestione della scuola materna – ha detto invece Cinzia – non ho parole, per non parlare della mensa! Chissà cosa accadrà a settembre e che ne sarà del nido?». «E’ un’amministrazione che si è dimostrata in diverse circostanze inesperta – ha detto Franco -. Si sta facendo le ossa, anche se questo non è concepibile per il sindaco ed altri esponenti che da anni sono in amministrazione». «Doveva cambiare chissà cosa – ci ha detto Antonio – ma in questi mesi abbiamo visto solo il turn over verso alcune ditte e persone che non sono considerate vicine a questa giunta. Il sistema – fa notare ancora – è lo stesso: sono cambiati i soggetti, ma continuano a fare le stesse discriminazioni di basso profilo». E qualche critica arriva anche dagli stessi elettori della lista del sindaco. «Il primo anno di questa amministrazione – scrive Luigi – è stato deludente. Ho votato la lista “Liberamente per Arce”, mi aspettavo molto di più. Spero che sia solo un periodo di rodaggio e invito tutti a darsi da fare». C’è anche chi lamenta la scarsa attività di alcuni assessorati. «Mi chiedo se alcuni assessori sono fantasmi. Poco o nulla si sa sulle loro attività. Molte delle cosa promesse in campagna elettorale non sono state ancora fatte. Se il buongiorno si vede dal mattino…». Ed infine c’è chi mette in evidenza l’elemento forse in assoluto più innovativo di questa amministrazione. «Una cosa importante – scrive ancora un cittadino – che pone il nostro paese in primo piano è secondo me il fatto che sindaco e assessori non percepiscono le indennità. Ho sentito del risparmio ottenuto e questo mi sembra un fatto concreto di cui se ne avvantaggia tutto il paese, anche se non può essere una scusa a far mancare il proprio impegno». Insomma una pagella non brillante, on una promozione rimandata a settembre, dopo gli esami di riparazione…

40
Da: ; ---- Autore: