Un’ assise – Per applicare gli sgravi del piano casa

ARCE – Un consiglio comunale per attuare gli sgravi previsti dal Piano Casa.
E’ quello formalmente richiesto dall’ex assessore ai Lavori Pubblici Emanuele Calcagni.
Il consigliere d’opposizione ha chiesto al sindaco e al presidente del consiglio comunale di valutare una convocazione del consiglio entro il 15 settembre per consentire una riduzione degli oneri urbanistici del 30 per cento.
«Il 27 agosto scorso – ha detto Calcagni – la Regione Lazio ha provveduto a pubblicare, quindi è entrato in vigore, il nuovo piano casa. Detta norma, fortemente voluta dall’attuale governo regionale, dà risposte alle tantissime richieste di tutti quei territori, come il nostro, a prevalente destinazione agricola che fino ad ora erano stati ignorati dalla precedente maggioranza regionale. Il principio alla base della normativa nazionale – spiega il consigliere – successivamente recepita e attuata dalla Regione, è la ripresa di un settore strategico per l’economia nazionale qual è l’edilizia. Al fine di incentivare ulteriormente detta ripresa, la Regione ha dato la possibilità ai consigli comunali di poter ridurre gli oneri che il cittadino dovrà versare per intervenire sui propri immobili. E’ per questo che ho chiesto la convocazione di una pubblica assise per deliberare tali riduzioni. Nello specifico ho proposto una riduzione pari al 30% del contributo dovuto in riferimento agli oneri di urbanizzazione primaria e secondari e una riduzione pari al 30% del costo di costruzione. Il termine del 15 settembre – ha concluso Calcagni – è dato dal poter generare disparità di trattamenti verso la cittadinanza in quanto, il giorno per iniziare a inviare le domande per il titolo abilitativo, originariamente previsto per il 31 gennaio 2012, è stato anticipato al 15 settembre 2011».

 

34
Da: ; ---- Autore: