Un convivio in onore degli ‘angeli della neve’ – Un appuntamento fortemente voluto dal sindaco

ARCE – Una cena per ringraziare i volontari che si sono adoperati nell’emergenza neve.
Si è tenuto giovedì scorso presso un noto ristorante di Arce, l’appuntamento conviviale voluto ed offerto dal sindaco Roberto Simonelli e dall’amministrazione comunale. Un modo per dire grazie a quanti si sono messi a disposizione della collettività in un momento non facile per il paese, utile anche a sottolineare come certi gesti vadano oltre l’organizzazione di un ente come quello municipale. Alla “pizza” ha partecipato il comandante della Stazione di carabinieri Gaetano Evangelista con alcuni dei suoi uomini, il comandante della Polizia locale Giampiero Marzilli con diversi agenti del corpo, gli uomini della locale Protezione Civile, quelli del gruppo di Volontariato Comunale, il web master del portale locale Arcenews.it, i titolari di alcune ditte della zona che si occupano di manutenzioni e costruzioni, le persone che hanno operato sui mezzi di soccorso e sui trattori che durante l’emergenza sono stati utilizzati come veicoli spazzaneve. Presente anche buona parte dell’amministrazione comunale, oltre al primo cittadino, hanno preso parte: il vicesindaco Lucio Simonelli, il presidente del consiglio comunale Gianfranco Germani, gli assessori Roberto Patriarca, Vincenzo Colantonio, Marco Marzilli, Brigida Fraioli, i consiglieri Dario Di Palma, Filippo Colantonio e Annalisa Quattrucci.
L’esperienza di questa tragica emergenza, una delle più importanti del dopoguerra, dovrebbe far avviare in paese una seria riflessione sulla necessità di istituire, incentivare ed attrezzare associazioni o gruppi di volontariato capaci di rispondere autonomamente alle primarie necessità della cittadinanza e soprattutto di coordinamento. Probabilmente è quello che ad Arce, dopo i primi giorni di smarrimento, è accaduto spontaneamente. Ma questa forza, oggi più che mai necessita di essere strutturata affinché non si ripetano i disagi e soprattutto quella sensazione di abbandono che in molti, in particolar modo persone anziane e diversamente abili, hanno avvertito. Un impegno che i cittadini chiedono a più voci ai politici arcesi, superando anche gli specifici ruoli di maggioranza ed opposizione.

114
Da: ; ---- Autore: