Un debito di 80mila euro accumulato dalla banda, futuro dalle tristi note – Il complesso bandistico sembra essere entrato in una fase irreversibile

ARCE – Quale futuro per la banda comunale e parrocchiale?
E’ la domanda che ormai iniziano a porsi in tanti ad Arce. Dopo le dimissioni del presidente Antonio Fraioli, il complesso bandistico sembra essere entrato in una fase di stallo irreversibile. Non si hanno notizie di una nuova nomina a capo del consesso e tanto meno sono note l’intenzioni dell’amministrazione comunale. La banda cittadina è stata finora una risorsa per il paese, anche se quest’anno, per motivazioni ancora ignote, non si è tenuto il concerto di fine estate, e ad oggi non si conosce se il complesso parteciperà o meno ai festeggiamenti organizzati dal comune in occasione del 4 novembre. Quello che è noto, invece, è il debito accumulato in questi anni (attorno agli ottantamila euro). Un problema che rischia di mettere una serie ipoteca sul futuro di questa realtà, oltre al fatto che bisognerà trovare le risorse per riparare il disavanzo. L’ultima uscita ufficiale del complesso risale a circa due mesi fa, in occasione del gemellaggio a San Giovanni Rotondo. A quella giornata parteciparono il vicesindaco, tre assessori e il presidente del consiglio: chissà se proprio loro non possano rispondere in qualche modo alla domanda iniziale?

85
Da: ; ---- Autore: