Una ferrovia lunga 100 anni – Bernardo Di Folco ripercorre i festeggiamenti organizzati dal 14 al 24 agosto 2002 in occasione del centenario

Il 18 agosto 2002, la tratta ferroviaria Roccasecca – Avezzano, festeggiò i suoi primi cento anni. In quell’occasione, fu il capo deposito Bernardo Di Folco, a farsi promotore come rappresentante di Trenitalia del viaggio del treno a vapore. Fu Bernardo Di Folco a permettere a centinaia di persone di ripercorrere l’antica tratta della caratteristica ferrovia. In quella occasione, Trenitalia e le due Comunità montane interessate, pubblicarono un libro sull’evento e Bernardo Di Folco, creò un cortometraggio di circa 30 minuti sull’evento.

Nei seguenti articoli pubblicati in quei giorni dai media, potete rivivere e attingere dei dati importanti sulla linea ferroviaria.

Nella galleria fotografica le immagini del treno a vapore che ripercorse la tratta ferroviaria da Avezzano a Roccasecca.

Arce/Una tratta ferroviaria lunga cento anni
ARCE – Continuano a ritmo serrato i lavori di preparazione delle celebrazioni del centenario della nascita della tratta ferroviaria Roccasecca-Sora-Avezzano.

La XV Comunità montana <Valle del Liri> di Arce, anche in questa occasione, sta rivestendo il ruolo di abile direttrice e coordinatrice delle molteplici iniziative, messe in cantiere dai comuni interessati, per coronare in modo brilante il centenario della detta tratta, previsto tra il prossimo 14 e il 24 agosto.
E’ lo stesso presidente dell’ente montano arcese Dino Giovannone che spiega le ricche e ghiotte delucidazioni sul nutrito programma che prevede: la pubblicazione di un volume dal titolo <Cento anni verdi sui binari del Liri>, stesura curata da Trenitalia.
L’allestimento poi, del <treno dei sapori> con degustazione per i viaggiatori che stazioneranno in ogni stazione della tratta nei giorni delle manifestazioni, dei prodotti tipici caratteristici della zona – come chiarisce lo stesso Giovannone – inoltre, – prosegue il presidente con giusta soddisfazione ed orgoglio – verrà pure allestito il "treno dei ricordi" cioè in ogni stazione saranno attuate iniziative riguardanti la storia, le tradizioni nonché la cultura locale, che si esplicheranno in mostre fotografiche, convegni, spettacoli musicali, rappresentazioni teatrali e rievocazioni storiche, e poi – dulcis in fundo – tornerà a riprendere vita il treno a vapore che ripercorrerà proprio come accadeva in modo suggestivo anni fa l’intera linea Avezzano-Roccasecca in bande musicali e gruppi folcloristici che allieteranno l’arrivo del mezzo. In ultimo, si terrà un convegno conclusivo sul tema <Il ruolo della Avezzano-Roccasecca – nello sviluppo dei sistemi ferroviari regionali nel comune di Sora>. Inoltre – conclude Giovannone – colgo l’occasione per esprimere massima soddisfazione per il fatto che il 10 agosto prossimo dovrebbe essere riaperto il tratto ferroviario che percorre il territorio di Arpino al momento bloccato da una frana.
Circostanza questa caldeggiata vivamente e con successo dalla XV Comunità montana all’attenzione dell’assessore ai trasporti della Regione Lazio e sottoscritta da tutti i comuni riguardanti l’intera tratta ferroviaria nonché dal presidente dell’ente montano di Valle di Roveto in occasione della riunione del comitato per le celebrazioni del centenario tenutasi lo scorso 15 maggio presso la sede della XV Comunità montana di Arce.

Arce/ Terminano i festeggiamenti per il tratto Roccasecca – Avezzano
Una ferrovia centenaria
Bernardo Di Folco ha contribuito alla riuscita

 ARCE -  Volge al termine la settimana dedicata al centenario della linea feroviaria «Roccasecca – Avezzano» ed il merito di molte operazioni ed iniziative spetta doveroso ad un cittadino arcese: Bernardo Di Folco.
   Capo deposito, sovrintendente e responsabile della sezione «Gestione Risorse Umane»  a Cassino, ha scortato per tutto il tragitto il macchinista della locomotiva a vapore, Renato Ricci, l’ultimo che può ancora guidarla, occupandosi anche a livello meramente tecnico dell’organizzazione tra i comuni di Arce, Colfelice, Roccasecca e la XV Comunità montana «Valle del Liri». E non è tutto. Di Folco ha pure coordinato le riprese, effettuate dai due macchinisti Fantaccione e Germani e proiettate nel piazzale della stazione di Roccasecca lo scorso 20 agosto, del treno in viaggio, costruito tra la fine dell’800 e gli inizi del 900 ed entrato in servizio per la prima volta nel 1910. Ma l’eclettico signor Di Folco, non ancora soddisfatto del contributo dato al suo paese, ha realizzato inoltre, e tutto a sue spese, un sito internet, all’indirizzo «www.arcenews.it», dove è possibile reperire, e con estrema facilità anche per coloro che non hanno troppa dimestichezza con il computer, notizie, foto, curiosità, festeggiamenti ed articoli tratti dal nostro quotidiano sui comuni di Arce, Rocca D’Arce e Santopadre, aggiornati on line.
   Un personaggio davvero ingegnoso, Bernardo Di Folco, che ci ha fornito pure una serie di interessanti dati tecnici sulla linea ferroviaria centenaria, dove il primo convoglio impiegò ben tre ore per arrivare ad Avezzano da Roccasecca: oggi sono sufficienti un’ora e 45 minuti.

Giulia Abbruzzese
 

LA SCHEDA – 100 anni di singolari particolarità

Locomotiva: è la numero 625017 del deposito di Roma S.Lorenzo, composta di 4 vetture con terrazzino.
Primo tratto in funzione: Roccasecca – Bivio Arce, aperto il 25 febbraio 1863.
Tratto più impegnativo: Balsorano – Avezzano, aperto solo il 20 agosto 1902.
Lunghezza tratta ferroviaria: 78,849 chilometri
Pendenza massima verso Avezzano: 18 X 1000
Stazioni: 9 (Roccasecca, Arce, Arpino, Sora, Balsorano, Civita D’Antino, Civitella Roveto, Capistrello, Avezzano).
Passaggi a livello: 39 con 13 fermate.
Gallerie: 23, di cui la più lunga è quella tra Santopadre e Arpino (2152 metri), mentre la più famosa è quella a chiocciola (Capistrello, Dell’Emissario e La Giorgia).

81
Da: ; ---- Autore: