Un’arcese campione italiano con Cuneo, Giuseppe Patriarca – Giuseppe Patriarca nativo di Sora ma arcese al 100% domenica 9 maggio 2010 conquista il suo primo titolo italiano, primo anche della storia di Cuneo, in una finale spettacolare contro l’Itas Diatec Trentino

Grande il nostro Giuseppe che a coronamento di una lunga e spettacolare carriera centra uno degli obbiettivi che mancava nel suo palmares, laurearsi CAMPIONE ITALIANO.

Giuseppe gioca da questa stagione nella BreBanca Lannutti Cuneo che grazie alle sue performance al termine di un campionato stressante ma emozionante riesce a centrare il suo primo scudetto che per la prima volta si aggiudicava in gara unica, in finale con le giocate magistrali di Giuseppe niente poteva l’Itas Trentino che cedeva per 3 set a 1 con questi parziali 25-14, 20-25, 22-25, 20-25.

Questi di seguito i trascorsi del nostro concittadino che regala al suo paese un altro successo di cui fregiarsi.

Giuseppe Patriarca nato a Sora il 23/03/1977 ruolo Schiacciatore, in questa stagione ha giocato in tutte le 36 gare disputate con 76 punti personali.

Ha iniziato la sua carriera di schiacciatore nel 1995 con la Pallavolo Modena, squadra in cui ha vinto, con Andrea Giani, una Coppa Campioni ed una Supercoppa Europea. La stagione successiva passa a Ravenna.

Dopo aver militato in varie squadre (dopo Ravenna anche Grottazzolina, Forlì, Verona, Schio, Ferrara e Montichiari), nel 2004 si trasferisce in Spagna ed indossa la maglia dell’Unicaja Almeria, con cui vince il campionato. Al termine della stagione, nel 2005, ritorna in Italia e viene acquistato dalla Prisma Taranto; dopo un’esaltante promozione in serie A1, viene riconfermato come titolare nella massima serie e rimane con la compagine pugliese fino al 2008.

Nel 2008 ritorna alla Yoga Forlì, sempre nella massima serie, e dopo un anno, nella stagione 2009-2010, passa a giocare per la BreBanca Lannutti Cuneo. Seppur non titolare nella formazione piemontese, non mancano le occasioni in cui lo si vede in campo, come ad esempio nella finale di Coppa Italia, quando sostituisce l’infortunato capitano Wout Wijsmans.]

Tra i suoi allenatori di maggior spicco possiamo ricordare: Silvano Prandi, Vincenzo Di Pinto e Daniele Bagnoli

BRAVO GIUSEPPE E GRAZIE DI CUORE

48
Da: ; ---- Autore: