Verifiche statiche, Nardone bacchetta Lucio Simonelli – Gianni Nardone, consigliere comunale della lista ‘Insieme per Arce democratica’ critica l’intervento del vicesindaco sulla sicurezza degli edifici scolastici

ARCE – «Lucio Simonelli, prima di fare sterili affermazioni, dovrebbe chiedere lumi al suo sindaco, ex assessore alla pubblica istruzione».
Gianni Nardone, consigliere comunale della lista “Liberamente per Arce democratica” critica l’intervento del vicesindaco sulla sicurezza degli edifici scolastici.
Simonelli aveva fatto osservare che, nonostante una cospicua somma finanziata dalla Regione Lazio per mettere a norma gli stabili delle scuole di Arce, nel progetto non fossero previsti finanziamenti appositi per le verifiche statiche. «Hanno trovato il piatto pronto – ha detto Nardone – ed ora non si comprende il perché non si adoperano al meglio per utilizzare quei fondi. Non trovano le risorse per una verifica statica? – Si chiede il consigliere d’opposizione – E con chi se la vorrebbero prendere? Ebbene – rincara – se proprio vogliamo puntualizzare, chiediamo pure al vicesindaco Simonelli se rammenta chi fosse l’assessore alla pubblica istruzione che, nell’immediato passato, ha gestito la fase di mancato controllo statico delle scuole arcesi? E chiediamo pure, sempre al vicesindaco, come mai si è candidato proprio insieme a quell’ex assessore alla pubblica istruzione che avrebbe provveduto a far effettuare delle verifiche statiche, le quali, in più occasioni, sarebbero state contestate dai genitori degli alunni perché ritenute poco affidabili? E non sarebbe più opportuno se tali verifiche potessero essere svolte dai dipendenti interni del comune o avvalendosi dei tanti professionisti abilitati che rivestono la carica di consigliere comunale, o sono stati semplici supporter della lista “Liberamente per Arce”? Certo di una risposta pubblica esaustiva – ha concluso Nardone – auspico che qualche professionista arcese, vicino ai programmi della maggioranza, si metta a disposizione gratuitamente, considerando anche che ogni amministratore che incontro casualmente mi ripete sempre la solita solfa che non ci sono le risorse. A questi assessori di “prima classe” ricordo che ad amministrare con tante risorse economiche sarebbero capaci tutti».
 

276
Da: ; ---- Autore: