Veroli con la rabbia acciuffa il pareggio in gara 2, 85-88 – Veroli compie il miracolo e con una gara travolgente costringe al pareggio i lagunari che per lunghi tratti hanno avuto in mano la gara, Cavina chiede ai suoi la grande prestazione e i ragazzi ciociari lo ripagano con una prestazione impeccabile che ha messo a dura prova le coronarie del pubblico presente al palazzetto lagunare, 1 a 1 ed ora il fattore campo passa in mano ai ciociari che possono chiudere nelle prossime due sfide in caso naturalmente di vittoria

Parte aggressiva la formazione ciociara che con il sangue agli occhi per la sconfitta maturata in gara 1 non vuole steccare alla seconda gara delle semifinali play-off. I ragazzi di Cavina pressano alto e mettono subito in difficoltà i lagunari che come in gara uno subiscono le giocate degli ospiti, Veroli lascia in panca Kavaliauskas in partenza ma può contare sull’approccio magico di Brkic capace di spaccare subito la gara con due bombe che danno il più 8 agli ospiti. Venezia reagisce e scova un maestoso Young che piazza anche lui due triple con altri 5 punti personali, per lui 11 totali e Venezia che sorpassa a 2’ dalla fine, 16-14. Cavina chiama time-out e fa entrare Rullo e Kavaliauskas, Rosselli fa 2/2 per il pareggio ma è Slay che da tre con tiro aggiuntivo a riportare i suoi avanti di 4. Magia di Rullo dai 6.75 e il primo parziale finisce in parità 23-23.
Secondo parziale che si apre con l’errore nel pitturato di Veroli, Young invece non sbaglia segna da 2 e serve un pallone d’oro per Slay che riporta avanti Venezia di 4, 27-23 a 7’e55’’, nessun canestro ancora per Veroli in questo quarto.
E’ Penn il primo marcatore ospite ma sulla ripartenza Maestrello piazza due bombe consecutive, 35-27. Bomba su bomba la gara sale d’intensità.
Brkic ne mette una e va in doppia cifra 11 punti per lui, poi Clark piazza la tripla e il punteggio rimane sempre inchiodato sul + 8 per i padroni di casa, Maestrello anche lui partecipa alla festa delle triple con due consecutive, devastante. Veroli sbanda incapace di reagire alla prepotenza agonistica di Venezia che non sbaglia nulla Slay  infila ancora la palla dalla lunga distanza + 15 per i suoi, Rosselli 2/2 per fissare il punteggio sul 51-38.
Venezia subito a segno anche in apertura di terzo quarto, Clark a cui risponde Rosselli 1/2 dalla lunetta e sull’errore Rossetti per due punti della speranza. 53-41.
Gatto spolvera una tripla e Veroli passa a -9 con 7’ da giocare, 53-44.
Scony Penn tripla in transizione e Veroli sogna 53-47 anche grazie agli errori di presunzione di Venezia che tira solo dalla lunga distanza sbagliando le conclusioni.
Alvin Young con un magico gioco da tre in condizioni difficilissime porta di nuovo avanti in maniera importante i suoi compagni 59-49 a 3’31’’ dalla fine.
Ancora bomba su bomba Young e Penn, e poi Rullo finalmente anche lui a referto, la gara scivola verso la terza sirena con il punteggio che si fissa 69-59.
Ancora una partenza razzo per Venezia con Slay che mette tre punti , 2+1, Penn da due per Veroli.
Gara sempre nelle mani dei lagunari che provano ad amministrare il vantaggio, calano le giocate di classe, gli ospiti tornano sotto la doppia cifra di svantaggio, Rosselli sbaglia il passaggio e Maestrello li punisce 5/5 da tre e Venezia di nuovo a +12..
Brkic il migliore dei suoi sveglia Veroli con un tracciante da tre, le distanze ancora una volta si accorciano, ora Venezia è avanti di soli due possessi, 75-71.
Young 4/5 dalla lunetta con 21 punti personali, Rullo ancora da tre.
Venezia ora ha paura, sbaglia palloni facili e Veroli prima va sul -3 e poi pareggia con la tripla di Brkic, 79-79 incredibile ma vero.
Rosselli sorpassa con un tiro da due, 80-81 facendo esplodere la panchina giallorossa.
Come gara uno finale punto a punto, 1’e 30’’ alla fine dalla lunetta Jackson fa 1/2, Cavina fa entrare Rosselli ma Clark riporta avanti Venezia con l’ennesima bomba 83-82 a 1’ dalla fine.
Brkic da due sorpasso a pochi istanti dalla fine, Venezia perde la palla sull’ultimo possesso e Veroli vince, 85-88, uno pari ma complimenti a tutti per la splendida affermazione, ora gara tre e quattro a Veroli.

Parziali: 23-23, 28-15, 18-21, 16-29

PRIMA VEROLI: Gatto 3, Brkic 20, Rosselli 15, Rossetti 6, Penn 16, Jackson 17, Binetti 0, Fontana n.e, Iannone 0, Kavaliauskas 0 , Rullo 9 , Fontana n.e, Iannilli 2, Coach Denis Cavina

UMANA VENEZIA: Clark 17, Allegretti 0, Slay 25, Di Giuliomaria 1 , Young 21, Frison n.e, Causin 0, Meini 0 , Lechlater 2, Maestrello 16,Ceron 0, Bryan 3 ,Coach Mazzon.
 

37
Da: ; ---- Autore: