Veroli si fa stoppare in casa da Verona 80-82 dopo un extra-time – Una battaglia, è stata un autentica battaglia e alla fine ha vinto la Tezenis Verona che dopo 45 minuti vince sul parquet di Veroli che accusa l’ennesima battuta d’arresto in questo campionato irto di difficoltà forse inimmaginabili ad inizio stagione. Parziali: 19-22, 33-33, 45-59, 69-69-11-13

Dopo aver ritrovato il sorriso grazie alla bella vittoria contro Rimini, i ragazzi del presidente Zeppieri hanno la grande possibilità di conquistare altri due punti per la rincorsa alla zona play-off, Verona l’avversario di questa domenica sembra, almeno sulla carta il giusto avversario vista anche la classifica abbastanza deficitaria per questa Veroli che vuole riprendere la corsa vincente come da pronostico e da consuetudine. Attenzione però perché proprio queste sono le gare in cui non bisogna concedere nulla agli avversari giocando tutta la gara attenti e concentrati.
Al via Veroli schiera Penn, Gatto, Kavaliauskas, Rossetti, Jackson, Marcelletti coach di Verona si affida a Waleskowski, Gueye, Porta, Trepagnier e Renzi, subito alla grande Verona con un 2+1 per fallo di Penn ma Gatto con una bomba firma il pari neanche un minuto giocato. Verona continua nella sua gara aggressiva e mette 5 punti dietro Veroli 5 a 10 con 6 minuti da giocare, ottima la difesa di Rossetti e Gatto e lo strappo viene prontamente ricucito, anzi a 5’dalla fine ancora una bomba per Gatto, per lui otto punti e Veroli ottiene il primo vantaggio. Doppio cambio per Veroli dentro Rosselli e Brkic escono Rossetti e Kavaliauskas, il cambio non giova a Veroli che va sotto di 7 a 3 minuti dalla sirena, 12-19, Cavina chiama il primo time-out. Due bombe una per parte, Brkic e Gueye fissano il punteggio sul 19 a 22.
Penn, Rosselli, Iannone, Jackson e Brkic per Veroli, Waleskowsi, Gueye, Porta, Mariani e Renzi per gli ospiti, al via ancora due bombe e ancora una per parte, inizia Rosselli finisce Gueye alla sua seconda da tre. Veroli alza il roaster e riesce a riprendere gli ospiti sul 27 pari a 6’ dalla fine del secondo quarto.
Verona si affida alla forza fisica dei suoi atleti Bellina, Mariani e Waleskowski si affidano senza controllo anche a dei colpi proibiti ma i direttori di gara non battono ciglio ignorando questo gioco falloso, 31 pari a 3’ dalla fine. Punto su punto per le due formazioni con una serie importante di errori da entrambe le parti fanno chiudere il quarto sulla perfetta parità 33 a 33.
Sono le realizzazioni pesanti la costante degli inizi di ogni quarto, Waleskowski per Verona e Brkic con un 2+1 per Veroli per una gara che andrà punto a punto fino alla fine, in campo Penn (ancora a zero punti con 18 minuti giocati), Rosselli, Gatto, Jackson e Brkic per Veroli e Waleskowski, Porta, Mariani, Trepagnier e Renzi per Verona.
Renzi mette una tripla e complice errori di misura dei giocatori verolani Verona allunga in maniera importante, massimo vantaggio ospite +9 a 5’ dalla fine.
Penn scuote il palazzetto, finalmente, sua la bomba che tiene a galla i ciociari, ma è solo un istante perché Kavaliauskas compie un paio di falli consecutivi e finisce la sua gara per 5 falli con soli 4 punti subendo anche un tecnico che fa sterzare la gara a favore di Verona, + 10 a 3’dalla fine che diventano 11 con la bomba, seconda per lui nel terzo quarto di Renzi.
La crisi verolana non si spegne, Verona ne approfitta e chiude con un consistente vantaggio il terzo parziale 45-59, +14.
Penn, Rosselli, Rossetti, Jackson e Brkic per i locali, Waleskowski, Gueye, Porta, Bellina e Renzi per gli ospiti, subito un tiro pesante per Jackson in ombra in questa gara e Veroli accorcia sul meno 10.
Sale l’intensità della gara perché Veroli non ci sta a perdere l’ennesima gara casalinga cresce il tifo e la concentrazione di alcuni uomini chiave, Gatto prende per mano i suoi e le due formazioni arrivano vicine nel punteggio 53 a 59 con 6’58’’ da giocare.
Esce per il quinto fallo Mariani, 6 su 6 dalla lunetta per Rossetti che prende anche un fallo intenzionale consegnando il pallone sulla rimessa a Penn per il pallone del sorpasso 61 a 59 con Verona in confusione, Marcelletti prova a tenere desti i suoi ma Veroli è assatanata. Verona stringe le marcature e si riporta avanti di 3, 61-64, ma Jackson giganteggia dalla sua mano il tiro da tre del pareggio, 64 pari che gara, ultimi 3’in apnea, Marcelletti chiama time-out vuole scuotere i suoi.
Sfondamento per Waleskowski che lascia il parquet per il 5°fallo, palla a Penn che si ricorda di essere un grande atleta due punti e tiro aggiuntivo del +3 ciociaro, 69 a 66 con 2’34’’ da giocare. La bomba di Gueye dopo due errori consecutivi da parte di Veroli ferma il risultato a 27’’ dalla fine sul 69 pari e palla in mano ai locali, almeno due possessi per decidere questa partita. Doppio time-out per i coach, doppio errore da sotto e extra time per decidere chi vince questa gara. Ora chi sbaglia di meno vince, Verona regala due possessi a Veroli e i ragazzi di Cavina si riportano avanti di 4  con 2’ e48’’ da giocare.
Fallo di Bellina e due tiri dalla lunetta per Brkic che fa uno su due, sul contropiede Veroli si dimentica di Gueye che piazza la bomba del pareggio, sbaglia Rossetti ma Jackson commette fallo, due tiri per Renzi che riporta avanti i suoi di due, lo stesso americano va a canestro facendosi perdonare e sulla ripartenza fallo di sfondamento per Renzi, rimessa Veroli con 26 secondi e palla ai locali che sbagliano a 6 secondi dalla sirena canestro per Porta che da il + 2 a Verona con 55 centesimi di secondo da giocare ci vorrebbe un miracolo………che purtroppo per Veroli non si verifica anche se Brkic piazza una bomba che secondo gli arbitri si insacca oltre il limite del tempo, peccato, il finale 80 a 82 per Verona.

Arbitri: Provini,Cappello,Baldini

Prima Veroli: Penn12 ,Binett 2i ,Fontana n.e ,Rossell 8i ,Iannone 0 ,Iannarilli n.e. ,Gatto 13 ,Kavaliauskas 4 ,Rossetti 6 ,Mariani 0 ,Jackson 18 ,Brkic 17 ,Coach: Demis Cavina

Tezenis Verona: Rombaldoni 1 ,Abrams n.e. ,Corsini  , Waleskowski 22 ,Gueye 12 ,Porta 7 ,Campiello n.e. ,Bellina 0 ,Viviani  , Mariani ,Trepagnier 7 , Renzi 30 ,Coach: Franco Marcelletti.

Max Marzilli

 

 

39
Da: ; ---- Autore: