Vincoli, tasse e condoni – In una seduta ‘tecnica’

ARCE – Un’amministrazione più equa, parsimoniosa ed attenta all’esigenze di tutti i cittadini.
E’ quanto emerso dalla seduta del consiglio comunale di lunedì sera. Un’assise prettamente tecnica, che ha visto in diversi punti in discussione la convergenza tra maggioranza ed opposizione. Al primo punto una comunicazione per un prelevamento a fondo riserva di 3.860 euro fatto dalla giunta municipale, inerente il rimborso spese legali per un ex dipendente che è risultato assolto da un procedimento penale. Al secondo e al terzo punto, due ratifiche di delibere riguardanti altrettante variazioni d’urgenza al bilancio annuale di previsione. La prima per consentire la rimozione di rifiuti ingombranti dal mattatoio comunale, dove è prevista l’isola ecologica. Mentre la seconda è necessaria per prevedere il conferimento di un incarico professionale (per un importo massimo di 6mila euro) per il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche. In pratica il comune potrà rilasciare agli interessati questo particolare tipo di autorizzazione, necessaria a valutare la compatibilità paesaggistica delle nuove costruzioni, in rapporto alle caratteristiche del contesto e ad un eventuale vincolo esistente. Il costo della pratica, da pagare in diritti di segreteria, sarà di 250 euro. Al punto quattro, ancora un adeguamento di natura tributaria importante. Il consiglio comunale ha fissato i limiti minimi di versamento e rimborso delle imposte comunali, con una modifica al regolamento generale delle entrate e allo statuto del contribuente. I minimi sotto al quale gli uffici non procederanno a recuperi o ad accertamenti sono così stabiliti:5 euro per l’Ici, 10 euro per la Tarsu, 2 euro per l’imposta sulla pubblicità e la pubblica affissione. Al punto 5 il consiglio ha messo fine ad un annosa vicenda sulla tassazione Ici dei terreni cosiddetti B3, sul quale non è possibile edificare. La modifica del regolamento consentirà ai contribuenti di questi beni di non dover pagare il tributo. Al punto 6, ancora una modifica ad un regolamento, questa volta sulla tassa smaltimento dei rifiuti. L’amministrazione ha proposto e approvato una norma transitoria per lo sconto del 15% sulla tassa, anche per coloro che negli anni passati non usufruivano dell’agevolazione in quanto residenti nella zona urbana del paese. Infine, una variazione di bilancio con la relativa integrazione del programma degli incarichi, al fine di conferire delle collaborazioni per usufruire delle pratiche di condono edilizio, rimaste ferme da quasi 25 anni. Sono 125 i casi di abitazioni per la quale è stata richiesta la sanatoria, ma ancora non sono stati espletati i relativi provvedimenti. Il costo previsto per i cittadini e di 200 euro, il gettito di entrata per l’ente previsto è di 30 mila euro, mentre i costi per le consulenze di supporto all’ufficio tecnico sono di circa 20 mila euro. Entro il 31 dicembre 2010, tutte le pratiche per cui è stata fatta richiesta dovranno essere completate.

36
Da: ; ---- Autore: